Fibromialgia

La cura con l’ossigeno ozono terapia per via sistemica

 

Fibromialgia

 

La Fibromialgia è una patologia che causa dolore cronico diffuso in tutto il corpo associato quasi sempre ad un senso di affaticamento.

Abbiamo approfondito l’argomento con il Dott. Cadario Giovanni, il nostro reumatologo.

Diagnosi e sintomi

 La Fibromialgia, come ci dice il dott. Cadario, è una malattia importante che puo’ impattare negativamente sulla qualità della vita del paziente. Questa patologia colpisce principalmente le donne, ma nel corso degli ultimi anni ha avuto un aumento anche nei bambini in età adolescenziale.

I sintomi possibili sono molteplici ed estremamente vari, oltre al disturbo del dolore cronico tra i più diffusi troviamo disturbi intestinali, insonnia, difficoltà cognitive ed un eccessiva e aumentata sensibilità.

Arrivare alla diagnosi non è facile, è necessario accertarsi che il dolore non sia associato a nessun’altra patologia, per cui si possono prescrivere analisi per escludere la presenza di altre malattie.

La diagnosi prevede la persistenza di dolore muscolare sia nella parte superiore che inferiore del corpo, della durata di almeno 3 mesi, con la presenza anche dei cosiddetti Tender points, specifici punti del corpo la cui pressione provoca dolore.

Trattamento

 Il trattamento della fibromialgia prevede sia l’assunzione di farmaci, sia cambiamenti dello stile di vita. Purtroppo non esiste una cura definitiva, ma recentemente sono stati fatti degli studi che dimostrano una certa efficacia della terapia dell’ossigeno ozono per via sistemica.

Per trattate la fibromialgia si consiglia la grande auto emotrasfusione. Al paziente viene effettuato un prelievo di sangue venoso che viene subito miscelato con dell’ozono e re-infuso in vena. Circolando nell’organismo tramite il sangue riesce a raggiungere i tessuti e organi agendo sia contro il dolore che contro l’infiammazione.

 

Per info e prenotazioni chiama 0321-625791 oppure inviaci una mail a info@centromedicosantambrogio.com

 

Condividi questo post

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn